venerdì 26 luglio 2013

Tempo d'estate: "A bigger splash" di David Hockney




In questi giorni bollenti di anticicloni dai nomi infernali e di un inaspettato caldo bruxellese, ho deciso di lasciare  in disparte i miei soliti racconti d'arte per rivestire il blog della leggerezza di immagini estive.
Dopo i colori squillanti della “Red canna” di Georgia O’Keeffe (qui), è ora il turno di una pausa rinfrescante col tuffo nella piscina più famosa dell’arte contemporanea, quella di  "A bigger Splash" di David Hockney, ora alla Tate Gallery di Londra.


Un dipinto notissimo, riprodotto un infinità di volte, una grande tela che ha il formato di un quadrato quasi perfetto (2,42x2,43).
Una giornata soleggiata, un cielo blu e senza nuvole, due palme, una villa a un piano con una porta vetrata  e una sedia vuota. 
Tutto parrebbe immobile e silenzioso, se un trampolino in primo piano e un grande schizzo d'acqua nella piscina non facessero pensare che qualcuno si sia appena tuffato.
Tutte le tinte, comprese quelle ocra e rosate dell'edificio, parlano del caldo dell'estate.

Siamo nel 1967 e David Hockney è da poco andato a vivere in California, il paese dal cielo eternamente blu, come quello descritto, appena l’anno precedente, nella canzone dei Mamas and Papas.
Quella "California dreamin’ "che ha scalato ogni  classifica e che si ascolta dappertutto: il testo fa immaginare un luogo di sole e di dolcezza.

Quando David Hockney, nel 1961, è arrivato da Londra negli Stati Uniti ha ventiquattro anni ed è alla ricerca non solo di quella luce abbagliante che ha visto nei film  ma, soprattutto, di libertà e di tolleranza. 
Ha deciso di trasferirsi in America per vivere la propria omosessualità, senza le difficoltà e i pregiudizi che ha subito in Inghilterra ed è sbarcato a New York con i suoi capelli decolorati e la sua eleganza eccentrica da dandy, portando con sé tutta la sua voglia di dipingere. 
Due anni dopo, si è trasferito in California, "dove c’è sempre sole e la gente è più rilassata":-così, almeno, scrive nel suo diario.
"Quando sono arrivato non avevo idea se ci fosse un qualche tipo di vita artistica, ma questa era l'ultima delle mie preoccupazioni".
In realtà, l’ambiente che trova è ricco di incontri e di stimoli. Quel posto gli piace davvero.
Anche se vive gran parte del tempo a Berkeley, dove insegna all'università,  per lui la California rimane  quella di Los Angeles, con le sue ville, la sua aria di eterna vacanza, le sue palme.
E anche le sue piscine, che sono diventate il segno distintivo del paesaggio e di una maniera spensierata di vivere. 
Ed è proprio a quella California che Hockney dedica il suo dipinto.

Basandosi sulla foto pubblicitaria di un libro per costruttori di piscine, elabora un quadro che diventa, da subito, il simbolo di uno stile di vita. 
Il turchese dell’acqua domina la composizione, insieme all'azzurro  del cielo, mentre  il giallo della linea obliqua del trampolino serve a dare un'impressione di profondità.  
La villa, le palme dagli esili fusti e la sedia da regista ci ricordano che siamo a Hollywood. 
Se ci lasciamo prendere dalla suggestione cinematografica, il quadro può sembrare il fotogramma di un film, l'illustrazione del brano di una sceneggiatura, con il protagonista, forse un attore o un ricco produttore, che si è appena tuffato, nell'ora, in cui il sole è più alto.
Un uomo: mi immagino. Non so perché, ma penso che una donna avrebbe lasciato più tracce del suo passaggio, magari un cappello o un paio di occhiali da sole sul bordo della piscina. 
Invece tutto è vuoto e immobile: l'unico movimento è nello spruzzo che increspa l'acqua.

I colori, applicati con l'aiuto di un rullo, (solo i dettagli come la palma, erba, il riflesso della finestra o la scia bianca  sono dipinti con pennelli sottili) danno l’idea della foto di una rivista in carta patinata.
L'immagine di un piccolo mondo perfetto che potrebbe sembrare l'antitesi della malinconica visione della solitudine delle città americane, dipinte, qualche anno prima, da Edward Hopper.

Qui, invece, è inutile cercare significati nascosti e chiedersi cosa ci sia davvero dietro il sogno.
In fondo quello che Hockney vuole fissare sulla tela è solo il tempo breve di un istante. Il fascino del dipinto sta tutto nella vitalità, nella facilità, nella solarità  della pittura.
Tutto il resto, le inquietudini  le difficoltà del vivere o le disillusioni, devono rimanere al di là della cornice.

Ben più di quarant'anni sono trascorsi, la California, ormai, non è più il luogo di un sogno, ma il quadro è ancora capace di catturarci nella trappola dei suoi colori.
Basta davvero poco per abbandonarsi e immaginare di tuffarsi in quella piscina azzurra, lasciando, che, dietro di noi, tutti i pensieri evaporino come gocce d'acqua al sole, nella scia bianca di un grande splash.





Qui la colonna sonora non può  essere che "California Dreamin'" dei Mamas and papas (qui) oppure- se proprio si vuole- "Sognando la California, l'inevitabile versione italiana dei Dik Dik (qui).

Per quanto riguarda il "sogno americano", in uno dei più bei blog che seguo, "Nine hours of separation" (qui è il link), si parla anche (e non solo) delle contraddizioni della vita nella California di oggi.



19 commenti:

  1. a Torino qualche anno fa c'è stata una bella mostra di suoi collages e se non ricordo male una serie di polaroid riprendeva ironicamente l'impianto del quadro: stessa piscina e stesso trampolino, con la didascalia "xxx (il nome figurati se mi è rimasto in mente, però mi pare fosse il suo compagno) si è appena tuffato".

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bella la didascalia che finalmente dà almeno un'identità al tuffatore:-)

      Elimina
  2. Sono rientrato ieri dalle ferie e ora mi sembra quasi di essere di nuovo in vacanza tuffandomi nell'allegra piscina californiana.
    Ciao
    Marco

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un bel tuffo in piscina, sotto un cielo azzurro e magari con una villa di mia proprietà sullo sfondo, di certo lo farei anch'io:-)
      Bentornato dalle vacanze: speriamo che Bologna ad agosto non sia soffocante come al solito!

      Elimina
  3. Incredibile le sensazioni che trasmette questo dipinto!!! Un quadro che diresti fatto col computer... e invece così carico di emozioni. Splendido! E grazie di questa descrizione così professionale, ma anche personale e intima...

    A presto
    Cinzia

    RispondiElimina
  4. p.s. comunque, in questo blog, l'artista più straordinaria sei tu!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, Cinzia! E' un complimento bellissimo!

      Elimina
  5. Quoto Cinzia, assolutamente! Sei fantastica, cara Grazia, pensa che a me questo quadro non piaceva granché e ora, magicamente... pluff! mi ci hai fatto tuffare con gioia!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie anche a te Paola! Tra te e Cinzia mi fate navigare in un bel mare di complimenti!
      Pensa che una stampa di questo dipinto ce l'ho da anni alla parete di fondo della mia cucina. E sono anni che desidero tuffarmi in una piscina come quella!

      Elimina
  6. Grazie della citazione, cara Grazia. E anche dell'immagine, l'unico cielo azzurro che ho visto da molti giorni qui in California.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Contenta d'averti regalato un po' di cielo azzurro!

      Elimina
  7. Un racconto molto intrigante, per me, molto interessato alla California, soprattutto a Los Angeles, causa tante letture di romanzi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E anche dei molti film,Adriano! Sono stata a Los Angeles solo una volta e mi sembra di averla sempre conosciuta...

      Elimina
  8. wow, che post rinfrescante! ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Visto? a volte anche la pittura può offrire un po' di refrigerio.

      Elimina
  9. In effetti quello "splash" a connotare una presenza nell'assenza è molto bello.
    Non per svilire nulla ma sarebbe quasi da suggerire come copertina per la collana le memorie di Sellerio (collana con molti titoli gialli, of course!)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Perché no, Nela! Come copertina per la collana "Le memorie" mi parrebbe perfetta:-)

      Elimina
  10. Sono anni che, ogni tanto, mi viene in mente l'idea di una indagine sui dipinti "in assenza".
    Perchè il dipinto pare fermare il tempo di persone, cose... eventi insomma - il tempo stesso è il primo assente "him self" ma visibile attraverso azioni di persone o paesaggi....-
    In realtà molti dipinti alludono all'assenza del protagonista o coprotagonista: a parte questo, andando indietro, David, La morte di Marat, e ancora più indietro... Piero della Francesca La pala di Brera... ( per la scultura Bernini, David) forse anche l'Annunciata di Antonello da Messina. M'incanta sempre questa genialità da regista ... Grazie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bellissima idea! Pensa in quanti "interni" fiamminghi c'è l'idea di un protagonista assente con gli oggetti che vivono di vita propria e che, comunque, raccontano storie. L'artista- hai ragione- diventa sceneggiatore e regista e lascia a noi il compito di immaginare il racconto;
      Se decidi di seguire la tua idea, fammelo sapere!

      Elimina