sabato 9 aprile 2011

La Settimana della cultura





Bene: anche quest'anno - ed è il tredicesimo- siamo partiti.


Da oggi e fino al 17 aprile sarà la Settimana della cultura.
Chi va al link del Ministero dei Beni Culturali può vedere quali sono le manifestazioni regione per regione.
Musei, istituzioni, palazzi, conservatori musicali, teatri... aprono le porte e tutto è gratis.
Io, che in un museo ci lavoro, so che aspettiamo questo periodo come una festa.

I problemi ci sono, e tanti, ma il museo non è solo un luogo di conservazione, il museo è fatto per aprirsi al pubblico, per parlare ai visitatori.
Il museo ha bisogno di gente, ha bisogno di farsi conoscere.
Ferrara : Palazzo Prosperi Sacrati e Palazzo dei Diamanti

Non si deve mai dimenticare che il patrimonio culturale è di tutti e, visitando un museo, si vista qualcosa che è nostro, che rappresenta le nostre radici, la nostra storia.
È lo stesso per gli scavi archeologici, i teatri, i giardini, per tutti i luoghi del nostro patrimonio d'arte.

Sono previste visite guidate, conferenze, concerti, mostre.
L'intento, almeno il mio, è anche di far capire che forse con la cultura non si mangia, ma, di certo, si vive meglio.









Nel 1904, in una lettera diretta all'amico Robert de Montesquiou, Marcel Proust definiva l'Italia una "terra inestetica" .
L' Italia- precisava -  è piena di opere d'arte " ma non sa amarle ...e meno che mai conservarle, distrugge pezzo per pezzo i suoi palazzi più belli, per venderne i pezzi assai cari, per cupidigia o, addirittura, per niente, per ignoranza del loro valore".

Oggi avrebbe detto che allo stesso modo distrugge il paesaggio, le città, i centri storici.
Parole amare, a cui chi fa il mio lavoro cerca di dare una risposta,
La prima è quella dell'importanza di conoscere: "conoscere per conservare" era, qualche anno fa, un'idea  che circolava, un principio importante.
Per me è ancora fondamentale.



La "Settimana della cultura" è un buon mezzo per approfondire questa conoscenza.



17 commenti:

  1. Parole amare e parole sante, sia le tue che quelle di Proust. Ma finché ci sarà gente come te, continuerà ad esserci speranza!
    Ciao carissima! :)

    RispondiElimina
  2. Conoscere per conservare. E' proprio così. Ciò dimostra che siamo un popolo mediamente ignorante, visto il modo in cui ci comportiamo. Volendo ricorrere ad una motivazione "leggera", forse proprio la presenza in Italia di tante opere d'arte ( Il museo a cielo aperto ) ci è stata fatale. Si perde la voglia di scoprire qualcosa a cui si è assuefatti. Ti abbraccio

    RispondiElimina
  3. La conoscenza del nostro patrimonio d'arte è importante per conservarlo. Proust diceva "ignoranza" e "cupidigia" e l'avidità degli speculatori ha quasi distrutto il paesaggio italiano, l'ignoranza degli altri non lo impedissce. Oggi è una giornata magnifica e ne approfitterò per andare per musei.Ti abbraccio
    M.

    RispondiElimina
  4. Vorrei ringraziarti perché ieri, andando a Milano, mi sono fermata a Bologna e ho visto il Compianto, di cui hai parlato nel tuo post. E' stata una grande emozione. Per quello che dici della conoscenza è proprio vero e anche il blog, come vedi, può essere uno strumento per invitare la gente a conoscere di più. Ancora grazie di cuore
    Sara

    RispondiElimina
  5. Stamani mattina vado a vedere il museo del Bargello in centro a Firenze che non avevo mai visto. La Settimana della cultura è una bella iniziativa per indurre a vedere luoghi da cui, magari, di passa davanti ma in cui non abbiamo mai avuto la voglia di entrare. Si dice che la pubblicità sia l'anima del commercio e forse ora è il momento di usarla per una giusta causa.
    Anna

    RispondiElimina
  6. Fortunatamente ci sono persone come te, cara Grazia.
    Credo che non ti saremo mai abbastanza grati per tutto quello che ci fai conoscere.
    Buona domenica!
    Lara

    RispondiElimina
  7. Parole lucidamente amare quelle di Proust eppure a volte, purtroppo, cosi veritiere..Ma per fortuna ci sono persone come te che sono fonte di speranza.
    Era da tanto che l' aspettavo la settimana della culture e finalmente me la godrò fino in fondo.
    Un abbraccio!
    Lily

    RispondiElimina
  8. Sono fioccati in questi ultimi anni i licei artistici, ma latita ancora la consapevolezza
    di quanto sia importante il patrimonio artistico
    italiano.
    Per noi stessi e per gli altri.

    RispondiElimina
  9. La settimana della cultura in un paese che si sta imbarbarendo (a scapito del suo partimonio artistico culturale)... che strano...

    RispondiElimina
  10. Io lo so quanto tu sia brava in questo meraviglioso e meritorio compito di tramandare non solo la conoscenza ma soprattutto l'amore per questo incredibile e stupefacente patrimonio di bellezza nel quale siamo immersi, immemori e inconsapevoli.
    Un abbraccio affettuoso

    RispondiElimina
  11. Grazie cara Grazie di averci avvisato della settimana della cultura. Non mancherò di andare in qualche museo la settimana prossima.

    un abbraccio cara

    RispondiElimina
  12. Lodevole iniziativa, ma ... dovrebbe essere cultura tutto l'anno. Con il patrimonio che ha l'Italia, poi ...

    RispondiElimina
  13. Qualcuno sul mio blog ha commentato: “Comunque non abbandono e spero in tempi migliori”.
    Ecco, cara Grazia, sono le persone come te a darci ancora un po’ di fiducia.
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  14. La cultura... "La cultura adesso è la televisione!" come disse quello.

    CSTLDA

    RispondiElimina
  15. Grazie a tutti per i commenti e per i complimenti.
    Sono vere - e giuste- anche le perplessità ma certamente noi che ci occupiamno , per mestiere, di beni culturali dobbiamo continuare a lavorare, anche se qualcuno dice che è la televisione che fa cultura e qualcun altro che con la cultura non si mangia.
    Se in questa settimana i visitatori dei musei aumentano e persone che non sono mai entrate in un luogo d'arte imparano a conoscerlo non è inutile. Io nell'importanza della conoscenza ancora ci credo.

    RispondiElimina
  16. Cara Grazia, come te vivo la frustazione di operare in un settore, davanti all'indifferenza generale, oramai alla deriva...Non aggiungo altro perchè il mio pessimismo (che in verità io giudico realismo) diventerebbe pesante. Un bacione. Carmen

    RispondiElimina
  17. Ho visto che la Settimana della cultura a Ferrara, dove so che lei lavora, funziona e che avete fatto una bella attività.Accompagnerò domenica il mio bambino di 11 anni alla vostra visita accompagnata per bambini curiosi.Vi ringrazio per tutto quello che fate e per l'opportunità che mi avete offerto.
    Marisa

    RispondiElimina