venerdì 20 maggio 2011

Seggiano, Monte Amiata: il giardino di Daniel Spoerri.





Un giardino? Di più
Una galleria di opere d'arte all'aperto? Di più
Un pezzo di campagna toscana? Di più


È il giardino di Daniel Spoerri.
Uno di quei posti magici in cui mi è capitato di imbattermi per caso (ammesso che il caso esista), mentre stavo cercando un altro giardino in Maremma.
Più di 15 ettari di campagna toscana, sul monte Amiata, vicino a Seggiano, in cui Daniel Spoerri ha creato un parco-museo, con un percorso di opere d'arte (103 installazioni di 50 artisti) che si intreccia con un sentiero botanico, in uno dei paesaggi toscani più belli- e io che sono toscana, lo so- che sia dato di vedere.


Daniel Spoerri è un artista eclettico, noto per i suoi tableaux-piège, i quadri-trappola, in cui incolla su una tavola gli oggetti del vivere quotidiano, o per la Eat Art, in cui i resti di una colazione, di pranzo, di una cena, o le ricette di un ristorante diventano spiazzanti oggetti d'arte.
Il giardino, in cui accoglie le opere di amici artisti, è uno dei suoi capolavori.
Si può trovare di tutto.
Basta lasciarsi incantare.





Si entra nel giardino.











e, d'improvviso, si scopre un labirinto.













e  ci si meraviglia per il paesaggio di Seggiano, visto attraverso un cerchio magico.












Se si è stanchi, ci si può riposare su un divano erboso.
















salire  lentamente su una scala,













o seguire le oche, come dietro un pifferaio magico.











Tutto è possibile, basta solo lasciarsi andare.
E non si deve dimenticare che quattro o cinque ore- al minimo- di passeggiata, richiedono una sosta al ristorante.
O, almeno, un panino allo spaccio dell'ingresso- con finocchiona e pane toscano, per esempio- è necessario concederselo.
Tutto il resto è magia





Per tutte le informazioni pratiche basta cliccare qui.


16 commenti:

  1. Che bello!
    Una scoperta anche questo giardino. Un fine settimana in Maremma che sicuramente dovremo organizzare.Le foto sono tue ?
    Grazie
    Anna

    RispondiElimina
  2. Un post bellissimo, come il giardino attraverso cui mi conduci. Grazie, non lo conoscevo! Baci

    RispondiElimina
  3. @ Anna: Avevo dimenticato: le foto, tranne la prima, non sono mie, ma di mio marito che è rimasto anche lui preso dall'incanto del giardino.Ne ho fatto una selezione perché ogni angolo, ogni parte del giardino nasconde una meraviglia.

    @giacynta: grazie a te e spero che ti possa organizzare per una visita in questo posto meraviglioso

    RispondiElimina
  4. Un vero incanto questo giardino.
    Cara Grazia entrare qui da te è incontrare mondi meravigliosi. Ci fai scoprire la Bellezza. Non ti ringrazierò mai abbastanza.
    Un abbraccio,
    Lara

    p.s. Finalmente ho avuto il tempo di leggere il tuo post sulle Due Dame. Ma il commento l'ho lasciato lì :)

    RispondiElimina
  5. solo a sentire maremma, mi metto sull'attenti tronfia come un'oca tronfia.
    (questo giardino però non lo conoscevo. vedi? c'è sempre da imparare, anche sul contenuto delle proprie tasche).

    RispondiElimina
  6. Io mi metterei subito tra le oche e seguirei il pifferaio magico, sicuramente!

    RispondiElimina
  7. Inequivocabilmente svizzero... almeno nel nome. E da una breve ricerca vedo anche che lo è per metà. Una dimostrazione in più che le "mescolanze" creano il genio... Che peccato per tutti quelli che aspirano alle razze pure...

    Saluti cari
    Cinzia

    RispondiElimina
  8. Non conoscevo nemmeno io questo giardino,ma se il tempo continua ad essere bello e visto che il 2 giugno è festa....un pensiero di gita lo potrei fare.
    Sei imperdibile, grazie, come sempre
    M.

    RispondiElimina
  9. Una delle lacune che debbo colmare sono il grossetano,la Maremma,il Monte Amiata.
    Conto proprio di provvedere.

    RispondiElimina
  10. Sai che ne ignoravo l'esistenza? Ho salvato il link nei miei preferiti; considerato che non è troppo distante magari prima o poi riesco a visitarlo.
    Qui ogni volta imparo o scopro qualcosa, GRAZIE! Buona settimana cara collega, kiss

    P.S. Belle le foto!

    RispondiElimina
  11. Che meraviglia! Quest'estate ho in mente di organizzare qualche giorno in toscana e questo giardino è una di quelle cose che metterò in lista da fare!

    grazie cara Grazia,
    un abbraccio

    RispondiElimina
  12. Grazie a tutti.
    Il giardino (ma non è solo un giardino) vale la pena .E in più i dintorni sono magnifici.Per citarne uno il paese di Santa Fiora, da solo, vale una visita. Insomma il problema sarà staccarsi da là. Onore a Daniel Spoerri che ha saputo creare un ambiente suggestivo e salvaguardare un paesaggio meraviglioso.È sicuramente da scoprire.
    Anzi, quasi quasi ci torno anch'io.

    RispondiElimina
  13. Cara Grazia, anche per me cosa sconosciuta e molto insolita. Se ci torni potresti organizzare una gita per tutte noi che ti seguiamo. Poi magari proseguiamo direzione Sud Toscana e visitiamo il Giardino dei Tarocchi. Lo conosci?
    Bye&besos

    RispondiElimina
  14. Nela san: il giardino dei tarocchi a Gravicchio lo conosco. Rivederlo ( o meglio) rivederli insieme sarebbe magnifico. Una volta che sono in Italia potremmo organizzare:vedremo.
    Bye&besos anche a te

    RispondiElimina
  15. Bellissimo, ci son stata anni fa. :) federica

    RispondiElimina