sabato 21 dicembre 2013

"La bagnante" di Joan Miró: il colore dei sogni




"Joan Mirò è un innocente col sorriso sulle labbra che passeggia nel giardino dei suoi sogni" (Jacques Prévert)


Alberi di Natale, pacchetti colorati, slitte, renne, neve, presepi… 
E se, invece, cercassi qualcosa di diverso per "rivestire" il blog dell'abito delle feste? 
Magari potrei trovare un'immagine completamente differente, ma capace lo stesso di trasmettere un senso di gioia e di serenità. 
Ecco!  Ci vorrebbe proprio un dipinto come questo:


"La Bagnante", una tela di Joan Miró, attualmente conservata a Parigi, al Centre Pompidou.
Lo sfondo è di un azzurro profondo, dove si mescolano l'oscurità di un cielo notturno e la limpidezza dell'acqua del mare. Quel blu, che secondo Miró, è il "colore dei sogni", occupa tutta la scena. 
Poi, soltanto una barca, un pesce, una falce di luna, delle linee sottili che suggeriscono l’orizzonte, le stelle o il moto delle onde.
Tutto qui. Eppure basta a creare un'atmosfera perfetta e a tenerci sospesi tra sogno e poesia.

Siamo nel 1924 e da tre anni Miró (1893-1983) è arrivato a Parigi. Nato a Barcellona, figlio di un’orefice, ha deciso molto presto di non riprendere il mestiere del padre e di dedicarsi, invece, alla pittura. 
Ha scelto di trasferirsi in Francia con la voglia  di trovare un modo di dipingere che sia tutto suo, che gli appartenga davvero. 
Non è più un ragazzo- ha poco più di trent'anni- e sostiene di essere stanco di rappresentare, nella sua pittura, il mondo così com'è; quello che vuole, ora, è arrivare a fissare sulla tela le sue emozioni e i suoi sogni. 
A Parigi è tutto un fervore di idee: lì si incontrano scrittori, poeti, pittori, lì si respira un'aria libera e appassionata. Miró è convinto che finalmente potrà rinnovare il suo modo di fare arte.
Si è avvicinato, da poco, al nuovo movimento dei surrealisti capitanato da André Breton. Con loro ha discusso e condiviso molte delle idee che, proprio nel 1924, appaiono esposte nel loro "Manifesto": il rifiuto di ogni logica, la volontà di liberare la mente e di arrivare, attraverso libere associazioni, fino all'inconscio e al mondo del sogno
Ne è talmente entusiasta da apparire allora il "più surrealista di tutti", come lo definisce  Breton, nel suo desiderio di  sentirsi libero e di dare spazio alle sue sensazioni più profonde. 


La’”Bagnante” è uno dei primi dipinti di questo periodo.
In un equilibrio perfetto tra arte figurativa e astrattismo, parte dall'osservazione della realtà, per poi semplificarla e ridurla, con la precisione del figlio di un orefice, ai soli elementi essenziali: punti, linee, masse colorate, figure geometriche pure.
Quasi fossero ideogrammi di una strana lingua, a cui ognuno può dare il significato che vuole e per cui tutte le interpretazioni sono valide.

Guardare un dipinto come questo è come entrare in un mondo, dove le cose, anche le più piccole e banali, acquistano un senso diverso. 
"Inizio le mie tele sotto l’effetto di uno choc che mi fa sfuggire alla realtà- spiega Miró. Può essere una goccia d’acqua…l’impronta di un dito, un granello di polvere o un filo di luce. Quella forma dà origine a una serie di cose, ognuna delle quali ne fa nascere un’altra. Così un pezzetto di filo può generare un mondo”.

E per dare forma al suo mondo in una composizione, dove ogni elemento sia necessario e dove nulla possa essere spostato o cambiato per non alterarne l’equilibrio, non si può improvvisare. Occorre tempo.
Lui stesso parla  del suo lavoro come quello di un giardiniere, perché per coltivare e rappresentare i propri sogni bisogna avere la stessa pazienza che occorre per far crescere una pianta. 
"Mi  basta un attimo per tracciare una linea col pennello, ma mi ci sono voluti mesi, forse anni di riflessione per concepirla": afferma.

Solo così riesce a fare sì che nei suoi segni e nei suoi colori si possa trovare l'armonia gioiosa di un sogno realizzato.
"Miró- racconta Alberto Giacometti- era quel che di più libero, di più aereo, di più leggero… avessi visto. Eppure non poteva fare nemmeno un punto senza farlo cadere nel posto giusto…"


C'è anche chi ha detto di lui che "gioca con i suoi quadri come un bambino"
E, in effetti, dei bambini ha la fantasia, la semplicità, ma, anche e soprattutto, il rigore.

Basta perdersi qui nel blu del suo mare, in quei segni che, più che rappresentare, suggeriscono gli oggetti, per capire come sia precisa la trama delle sue immagini.
E come sia nitida, anche se impalpabile, la rete che ci cattura e ci trascina nel suo mondo incantato.

Leggerezza, magia, sogno....Proprio quello che ci vuole per accompagnarci in questi giorni.

E  per augurare, nel segno della levità, buone feste a tutti!








27 commenti:

  1. La copertina del nostro catalogo della leggerezza! Mirò è perfetto! Perfino i titoli delle opere sono spesso meravigliosi.
    Tanti auguri di buone feste, cara Grazia!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Allora la copertina l'abbiamo già trovata. Non ci resta che pensare a tutto il resto!
      Ricambio di cuore gli auguri di buone, anzi ottime, (perché limitarsi?) feste

      Elimina
  2. Bella e inconsueta immagine come augurio di un felice Natale.
    Buone Feste a te e alla tua famiglia!!
    Marco

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un'immagine che spero sappia trasmettere soprattutto serenità.
      Buonissime feste anche a te!

      Elimina
  3. Quelle tre lucine rosse in alto a sinistra sembrano quasi quelle di un albero di Natale.
    Tanti cari auguri e grazie per i tuoi post
    Anna

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È bello che in questo dipinto si possa leggere tutto quello che ci piace: è la magia di Mirò
      Tantissimi auguri anche a te!

      Elimina
  4. Sarà per questo che adoro Joan Mirò? Perché si paragona a un giardiniere? Mi affascinano I suoi colori, le sue forme, che si, ricordano un po' I disegni dei bambini.... e lo stupore che sa creare.
    Quando era piccolo il mio nipotino aveva paura di una stampa di Mirò che ho appeso in sala. Les femmes dans la nuit... Chissà come mai?
    Sai che non ho mai visto nulla di Mirò di "prima"? Quei dipinti di cui era stufo intendo.

    Un abbraccio, Grazia, e auguri cari. Dove festeggerai?
    Cinzia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quello che mi affascina di Mirò è la sua capacità di mescolare leggerezza a rigore e di stimolare cuore e fantasia. Per quanto riguarda le opere precedenti ti metto qui un link alla "Fattoria", un suo dipinto degli anni '20, prima della "trasformazione":

      http://kidslink.bo.cnr.it/irrsaeer/arte/annuario/operemir.html

      Intanto ricambio gli auguri di tutto cuore. Festeggerò, come al solito, con la mia famiglia in Toscana. quest'anno saremo in venticinque!
      Un grande abbraccio

      Elimina
  5. Mi aspettavo qualcosa di inconsueto da parte tua per fare gli auguri.... e come al solito non hai deluso le aspettative. Ti auguro di passare un buon Natale e un felice 2014!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Jampy e anche a te i miei migliori auguri di sereni giorni di festa!

      Elimina
  6. Grazie, Grazia, per i tuoi magici auguri, che contraccambio di cuore!
    Un'immagine perfetta per "sognare"...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ed è proprio di sognare che abbiamo bisogno, Luisa cara. Per fortuna che c'è l'arte e la bellezza, come quella che tu ci regali ogni giorno col tuo "calendario dell'Avvento"...
      Un abbraccio

      Elimina
  7. Che meraviglia!
    Davvero uno splendido modo per fare gli auguri... che ricambio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh, sì, Mirò è un pittore talmente grande da essere adatto per tutte le occasioni, Natale compreso...
      Ancora tantissimi auguri di buone feste!

      Elimina
  8. Sapessi quante volte nei miei sogni compare quel blu, Mirò aveva proprio ragione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fare i sogni dei colori di Mirò non è da tutti. bisogna avere un cuore d'artista, come il tuo...

      Elimina
  9. Stanotte andò a letto con gli occhiali
    perchè voglio sognare cose chiare e vederle bene
    con l'occhio di un bambino
    come le vedeva lui.
    buon anno e... grazie Grazia.

    RispondiElimina
  10. Grazie a te Massimo per i tuoi commenti sempre pieni di idee e anche di poesia: mi piace l'idea di sognare con gli occhiali sogni nitidi, eppure magici, come quelli di Mirò.
    Tantissimi auguri anche a te di giorni sereni e di buone feste

    RispondiElimina
  11. Un osservatore banale avrebbe forse pensato che il tempo impiegato per dipingere le sue opere fosse breve. Un osservatore banale e anche la sottoscritta. Maldestra ignoranza, la mia, che si allontana ogni volta che leggo i tuoi post. Auguri cari e un abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si dice addirittura che tenesse i dipinti nel suo studio per dei mesi, aspettando il momento giusto per aggiungere una linea o un colore: l'armonia richiede concentrazione e tempo.
      Ricambio di tutto cuore i tuoi auguri con un gigantesco abbraccio

      Elimina
  12. Meraviglioso dipinto, meravigliosi auguri. Non sei mai banale, Grazia, e ogni tuo post è una deliziosa scoperta. Tanti auguri a te, cara!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie tante Cristina e anche a te i più cari auguri di feste e piene di armonia!

      Elimina
  13. Il blu è il mio colore preferito da sempre; questo post è un regalo vero e proprio di Natale!
    Auguri!:)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, Giacinta e tanti cari auguri anche a te!

      Elimina
  14. I grandi pittori sanno rendere con efficacia e leggiadria le armonie delmondo.
    Un'ottima scelta per ricordare la Festività delNatale.
    Costantino

    RispondiElimina
  15. Mirò e Chagall , meravigliosi regali di Natale..

    RispondiElimina
  16. Che splendore, questo quadro ... e come sono belle e intense le tue parole. Sono felice di aver scoperto il tuo blog. E' un vero gioiello.

    RispondiElimina