giovedì 22 dicembre 2011

Argentina, adios ! (5)






Gli ultimi giorni di viaggio, dalla fine del mondo, la Terra del Fuoco, al centro del mondo, o almeno dell'Argentina, a Buenos Aires.

A come  arrivare a Ushuaia, dove finisce la terra australe  e si uniscono le acque degli oceani, immaginando distese enormi e solitarie e  trovare una città di sessantacinquemila abitanti, un traffico che nemmeno sulla tangenziale di Bologna nelle ore di punta e negozi di souvenir e di abbigliamento sportivo più fitti degli "Outlet" della Via Emilia: la" fine del mondo" versione 2011.
Basta, però, allontanarsi un po' e fare un giro in barca nel canale di Beagle per scoprire il verde delle acque  gelide e la luce lunghissima dei giorni del solstizio d'estate. E ritrovare, nel silenzio e nella vastità dello spazio, la possibilità di fantasticare sulle vicine tempeste di Capo Horne.

B come Buenos Aires
Poco più di quaranta milioni di abitanti in Argentina, tredici milioni nella capitale.

Buenos Aires- si dice - è per il Sud America quello che Parigi è per l'Europa. La città della cultura, dell'arte, dell'eleganza. Saranno pure arroganti gli abitanti,  convinti di essere al centro del mondo, ma Buenos Aires rimane un punto di riferimento imprescindibile.
Nessuna citta in tutta l'America latina- tutti lo ammettono - le sta alla pari per bellezza
Un'urbanistica studiata,  palazzi ottocenteschi e grandi avenidas simili ai boulevards parigini.


Più di centocinquamila alberi fatti piantare, alla fine dell'Ottocento, lungo tutte le strade, dal geniale architetto e paesaggista francese Charles Thays.
Una città europea. 
Se ci sono fisionomie indios, sono quelle dei nuovi immigrati (dalla Bolivia, dal Paraguay o dal Perù...) che hanno sostituito la vecchia immigrazione  dall'Europa.
Una città di contrasti, dove l'enorme favela di Villa 21 costeggia il quartiere elegante del Ritiro, e dove, nella periferia, preme la miseria dei nuovi arrivati

B come Boca, il  barrio all'imboccatura del fiume, dominato dallo stadio immenso, in cui gioca la squadra di calcio più amata, il Boca junior.
Gli immigrati italiani, soprattutto liguri, si stabilirono qui e lasciarono un'impronta fortissima, tanto che i tifosi del Boca si chiamano ancora "Xeneises", i genovesi.
Le case fatiscenti, all'ombra dello stadio, accolgono, ora, i nuovi immigrati.
Dappertutto miseria, strade sporche e paura. 



La  facciata  del quartiere, però, è una cartolina turistica: le due vie del "Caminito", con le case di lamiera colorata, ristoranti e caffè.













I visitatori arrivano a frotte: si balla il tango, si mangia la parilla e si celebrano, ovunque, tra turismo e verità, i miti di Maradona, Eva Peron e Carlos Gardel.










B come Borges. Uno dei miei scrittori preferiti: impossibile sfuggire alla suggestione di ritrovarlo  nella casa dell'infanzia, nella sua biblioteca, nei suoi caffè  o nell'ultimo appartamento di calle Maipù. Certo Buenos Aires è cambiata: nel quartiere più amato, Palermo, le boutiques e i bar alla moda hanno sostituito le osterie, in cui si ritrovavano i gauchos arrivati dalla pampa. Inutile cercare la prigione dove don Isidro Parodi risolveva i suoi misteri, rintracciare la casa dell'aleph o  identificare la biblioteca che ha la forma dell'universo.
Il giardino dei sentieri che si biforcano, il labirinto dei suoi scritti, però l'ho trovato: è la città stessa, con la sua pianta a scacchiera e le sue strade parallele che si aprono su piazze alberate, da cui si diramano altre strade, che si aprono su altre piazze alberate, all'infinito...

C come cimitero della Recoleta nel cuore del quartiere di lusso, con le pompose capelle funerarie dei padri della nazione. Ma è solo di fronte a una che i visitatori si fermano si fanno fotografare, sostano e pregano: è la cappella della famiglia Duarte, la tomba di Evita.



D come la decorazione lussureggiante dei palazzi ottocenteschi, dal centro ai quartieri popolari. 
Purtroppo sempre più rari e sostituiti dagli immobili anonimi della speculazione recente.








F come fiume. Buenos Aires è nata su un estuario, grande come un mare e con  un porto che ha fatto la sua  la fortuna, tanto che gli abitanti si chiamano ancora porteňos. Ma non  ha l'aria di una città di fiume o di mare. Il rio della Plata lo si percepisce appena, come una presenza lontana e distante e, quando lo si scorge, maestoso e largo da non  vederne la fine, è quasi una sorpresa.

N come Natale a 37 gradi, con tutto l'apparato di abeti decorati, neve finta, babbi Natale sudati e renne presumibilmente spossate dall'afa. Enormi  panettoni per il cenone della vigilia incombono nelle vetrine di tutti i supermercati.




T come Teatro Colòn, tremila posti, foyer decorati in marmi e stucchi, vetrate importate da Parigi, una sala dall'acustica perfetta. 
Il sogno di grandezza della città.













Nella piazza di fronte i piccioni aspettano, all’ombra dei leggii, il prossimo concerto.












T come Tortoni, il caffè dove prendere un doble e una media luna, serviti da camerieri dalla divisa impeccabile e immaginare, in un tavolino appartato, Borges e Cortàzar che conversano fittamente tra di loro.









Ci sarebbe ancora tanto da dire: la piazza de Mayo, la Subte (la metropolitana), calle Florida,  il cinema. Non basterebbero le lettere dell’alfabeto, né lo spazio di un post.

Ma almeno "Una frase, un rigo appena", per dirla col titolo di un romanzo di un altro porteňo, Manuel Puig,  è d'obbligo:

T come tango. 
Suonato nel mercato di San Telmo, dove tra le case colorate, ad ogni angolo, un vecchio cantante, panama in testa e immancabile sigaretta tra le dita, si spaccia per l'erede  di "Carlito" Gardel.








Ballato nel chiuso delle milonghe o all'aperto, nel parco di Belgrano.

Non importa se vecchi o giovani, belli o brutti, argentini o stranieri.
Basta (per le signore) portare con sé un paio di scarpe da tango, lasciarsi trasportare dalla musica ed è fatta. Coppie improbabili di vecchi tangueros e giovanissime ragazze, ballerini cinesi, eleganti signori di mezza età: tutti stregati dalla magia del tango.






E ora ?

"Nessuno ci toglierà quello che abbiamo ballato...": dicono da queste parti.
Nessuno ci toglierà le mille sensazioni di un paese che, nel ricordo di un'amica, ci è diventato ancora più caro.



Siamo appena rientrati io e il compaňero  e già abbiamo nostalgia e voglia di ritornare, anzi, per citare Gardel, di " Volvèr".

Argentina, adios, o meglio, arrivederci! 

E a tutti ovviamente: 
“Feliz navidad”

















Altre foto saranno pubblicate QUI dal companero, come "Lo zio di Leo", sotto l'etichetta "Argentina" e "Chile".









18 commenti:

  1. La terra del fuoco per me è un mito fin da quando ero bambino. Buenos Aires lo è diventata dopo che la mia compagna me ne ha parlato e ora questo tuo racconto me lo conferma. Quanto al tango hai detto la frase più emblematica: "Nessuno ci toglierà quello che abbiamo ballato..."
    Grazie e bentornata!

    RispondiElimina
  2. Posso dirvi ( si, anche al companero ) che ho gli occhi lucidi? Testo e foto STELLARI!
    Buon Natale e bentornati :-)

    p.s.
    ho visto che "lo zio di Leo" ha fografato anche la mia città d'origine, Matera. :-)

    RispondiElimina
  3. Dopo questa intensa e meravigliosa descrizione "vissuta", ti lascio una Bentornata, cara Grazia!
    Ora andrò a leggere Lo zio si Leo :)
    Ciao e a presto,
    Lara

    RispondiElimina
  4. Bentornata Grazia!

    Sono sempre felice e emozionata di leggere i tuoi post.

    Buon Natale!


    Nou

    RispondiElimina
  5. Feliz navidad anche a te!
    Costantino

    RispondiElimina
  6. Ciao carissima! Ovviamente bentornata, ma chi te lo ha fatto fare?.............. Qui l'aria è irrespirabile!
    Felice Natale anche a te... di cuore!
    Lecoq

    RispondiElimina
  7. Aspettavo con un misto di curiosità e di malinconia quella che doveva essere l'ultima puntata del tuo reportage. L'ho letta con crescente commozione, come Giacinta. Ma le vostre due silhouettes, con quelle belle mani aperte a salutarci mi hanno subito fatto sorridere.
    Un abbraccio a entrambi

    RispondiElimina
  8. Ma io sono contenta che sei tornata, tanto tanto.
    Quasi a portata di mano :D

    RispondiElimina
  9. L'unico motivo per cui mi dispiace che tu sia tornata ê che non leggerò più i tuoi post di viaggio che erano diventati un appuntamento fisso. Un saluto di bentornata
    Marco

    RispondiElimina
  10. Magnifici questi post, letti tutti d'un fiato.
    Bentornata, ciao
    F.

    RispondiElimina
  11. Strepitoso! Ho letto il reportage tutt’insieme, un post dopo l’altro. Che voglia d’andare in questi luoghi meravigliosi di persona! Un sogno…
    Grazie di cuore.

    RispondiElimina
  12. Bentornata! Anche se un po' egoisticamente avrei preferito che la mia Chatwin prediletta avesse continuato ancora, ancora e ancora a scrivere da quei luoghi! Ma se nell'ultima bellissima foto state anche dicendo un Hasta luego, allora, magari ci saranno altri viaggi laggiù. Feliz Navidad anche a te, non senza i tradizionali bye&besos natalizi.

    RispondiElimina
  13. Non ci sarebbe nulla da aggiungere a questo tuo ennesimo teso, vibrante racconto, ma la memoria mi corre subito ad alcuni temi - che non saprei trattare con la tua maestria -, temi che le mie modeste conoscenze mi hanno fatto diventare cari come le prolusioni di Borges (che mi dicono non amasse Gardel, per me invece suscitatore di arcane emozioni) sul tango e sui genovesi. O a uno spunto banale come il passaggio da Bordighera, dove abito, di Evita Peron, figura che é sin troppo poco definire controversa.
    Scusa la lungaggine. Ben tornata e AUGURI a te e ai tuoi cari!

    RispondiElimina
  14. Ma che splendido reportage!!!! :)
    Ne approfitto per farti i miei più cari e dolci auguri!

    RispondiElimina
  15. È già passato un mese??!! Buon ritorno Grazie e buone Feste

    Cinzia

    RispondiElimina
  16. Perchè stamattina tu possa trovare anche qui i miei auguri. Un bacio

    RispondiElimina
  17. Auguri di un buon 2012!

    Un abbraccio Nou.

    RispondiElimina
  18. Compañero / Lo zio di Leo2 gennaio 2012 23:44

    El Compañero ringrazia i vari commentatori per le parole così gentili. Ha il piacere di comunicare che (finalmente) una piccola selezione della vasta documentazione fotografica del viaggio è disponibile sul sito web indicato nel blog.
    Buon anno 2012 a tutti
    El tìo de Leo

    RispondiElimina