domenica 14 aprile 2013

Achille Campanile e il mappamomdo ovvero Impara l'arte (3)





Per cercare di non smentire quella che qualcuno definisce "la vocazione didattica del blog", mi piace, di tanto in tanto, offrire qualche aiuto per superare le insidie nascoste nel terreno infido dell'arte.
Grazie a un racconto di uno dei miei scrittori preferiti, Achille Campanile, ho scoperto e subito divulgato QUI il metodo del "crescendo elogiativo", utilissimo per affrontare, con una certa sicurezza, la visita allo studio di un pittore.
Per chi, invece, decidesse di entrare in un museo o una galleria d’arte contemporanea, il "generatore automatico di critica d’arte", che ho fornito QUI, si rivelerà uno strumento indispensabile per non restare mai senza parole.

È arrivato ora il momento di inoltrarsi in un territorio completamente diverso, ma altrettanto accidentato: quello dell'antiquariato. 
C'è sempre chi sogna di arredare la casa con mobili d'epoca, di riconoscere a colpo sicuro una poltroncina Luigi XIV da una Luigi XV o di datare, senza esitare, un tavolo o una credenza. 
Mobili, tappeti, soprammobili, lampadari...: le cose da sapere sono tante e le trappole continue.
Ma, anche in questo caso, c'è Achille Campanile a farci da guida.

È vero che il racconto che ho trascritto non insegnerà a districarsi nell'infinito mondo degli stili. Sarà, però, fondamentale per chi voglia addentrarsi in un settore particolare, ma non privo di amatori, come quello degli antichi mappamondi. 
Qualche tempo fa era frequente vederli troneggiare in vetrine di antiquari o di rigattieri accanto all'immancabile tavolo fratino e alla severa sedia Savonarola. Oggi meno diffusi li si ritrova, comunque, in aste o siti di vendita online, senza che abbiano perso nulla della loro malinconica dignità.
Se capiterà di fare qualche incauto acquisto e di portarsi a casa un globo terracqueo dalla datazione quanto meno sospetta, grazie all'esempio di Campanile, ne potremmo sempre uscire a testa alta e con pizzico di ironica signorilità.



Il primo nostro acquisto fu un mappamondo; da tempo avevo accennato a un mio vago desiderio di possederne uno, ma non mi riusciva di trovarlo. 
D’estate andammo al mare in una cittadina romagnola, dove, in un negozio d’antiquario, ne scoprimmo uno grossissimo.
Bene- dissi- si vede che in questa terra di castelli malatestiani, fra cui quello dove la leggenda colloca l’uccisione di Francesca da Rimini, si può ancora trovare qualche suppellettile antica che nelle metropoli non si trova”…
Il ritorno in città fu trionfale con la sfera di circa un metro di diametro pericolosamente issata sul tetto dell’automobile. E a Milano suscitammo ammirazione e invidia in tutti i visitatori, a cui mostravamo con orgoglio il raro pezzo, spiegando che molto probabilmente proveniva dal castello di Francesca.

Figurarsi la nostra sorpresa, quando ci accorgemmo che inesplicabilmente le vetrine milanesi cominciavano a riempirsi di mappamondi identici al nostro. 
E non soltanto vetrine d’antichità, ma anche di mode, di viaggi, di libri, di qualsiasi merce che potesse giustificare la presenza di un globo terracqueo antiquato…
Bisognava pensare che, durante la nostra assenza estiva, fosse accaduto uno straordinario rinvenimento di tali pregevoli oggetti; che addirittura fosse stato scoperto un vasto giacimento di mappamondi antichi.
La cosa straordinaria, oltre al perfetto stato di conservazione, era che questi mappamondi, per la maggior parte, erano identici al nostro... Bisognava pensare che, nei secoli scorsi, in ogni abitazione, anche la più povera, ci fossero almeno due o tre grossi mappamondi. Due o tre per stanza, beninteso...
C'è da pensare che a quell'epoca tutti fossero navigatori e scopritori di mondi.
Una cosa, poi, che addirittura rivestiva i caratteri del prodigioso, era che cominciarono ad apparire in vendita antichi mappamondi apribili, a mo’ di cocomeri spaccati, nel cui interno era sistemato un bar completo di bottiglie, bicchieri ecc…
Di fronte a una tale improvvisa inflazione…fu giocoforza rinunciare alla provenienza dal castello di Gradara e mi sentivo un po’ imbarazzato quando mi si domandava “Autentico?” non volendo io, né ammettere di aver ricevuto un’impiombatura, né sostenere troppo sfacciatamente una data d’origine….

Mi tolse dall'imbarazzo un amico che, alla domanda “Autentico?” relativa a un suo mappamondo del tutto identico al nostro, mostrò di non dar peso alla cosa.
Alzò le spalle. “Mah- disse con noncuranza- è in casa nostra da che ero bambino”.
Adottai subito la risposta..
Ma, invece che “in casa nostra da che ero bambino” dissi “in casa di mio nonno, da che era bambino suo nonno”.
Una piccola modifica, ma è una pennellatina che non guasta.”






A. Campanile, da 'Il trumeau', in “Gli asparagi e l’immortalità dell’anima
Il particolare col bellissimo mappamondo è tratto dal "Ritratto di astronomo" di Jan Vermeer.



26 commenti:

  1. Campanile è geniale come sempre .La sua battuta finale mi sarà utilissima dato che mia moglie è appassionata di antiquariato e può succedere di comprare se non mappamondi almeno armadi e credenze di incerta antichità!
    Ciao
    Marco

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sapevo che Campanile sarebbe stato utile: da lui c'è sempre da imparare!

      Elimina
  2. "Bisognava pensare che, nei secoli scorsi, in ogni abitazione, anche la più povera, ci fossero almeno due o tre grossi mappamondi. Due o tre per stanza, beninteso..."
    Geniale!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In ogni famiglia ci dovevamo essere due o tre mappamondi, almeno dieci tavoli fratini, cinque o sei credenze del Barocchetto piemontese...altrimenti cosa venderebbero oggi?

      Elimina
  3. giusto, Campanile è stato un genio della parola ed oggi noi ce ne serviamo x difenderci da chi ci può ostacolare verbalmente...bel post!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. D'accordo con te sulla genialità di Campanile: a volte può essere l'antidoto a certa dilagante volgarità!

      Elimina
  4. un giacimento di mappamondi antichi mi ricorda una frase di mia figlia, quand'era piccola, di fronte ad un enorme parcheggio: ma questo è un un allevamento di camper?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Stupenda l'idea dell'allevamento di camper: sono sicura che sarebbe piaciuta anche a Campanile!

      Elimina
  5. Delizioso sotterfugio, sicuramente da imitare! Chissà, forse quell'antica coppa che ho sempre visto in casa mia e che so per certo che mio nonno l'aveva ereditata dalla nonna e lei da suo nonno che, a sua volta, giurava essere stata del suo bisnonno che l'ebbe dalla bisnonna e che a quest'ultima giunse dal bisnonno che l'ereditò da un prozio che la ritrovò in casa del trisnonno... insomma quella coppa è il Sacro Graal!
    :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sei un geniaccio! Ecco dov'era il sacro Graal ! -:)

      Elimina
  6. Grande Campanile, riesce sempre a strapparmi un sorriso! :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E mai come di questi tempi c'è stato bisogno di un sorriso !

      Elimina
  7. Ci dimentichiamo troppo spesso che l'intelligenza di chi c'è stato prima di noi è ancora viva e utile.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci dimentichiamo soprattutto dell'intelligenza di chi ha scelto di farci sorridere: l'umorismo intelligente in Italia ê stato spesso sottovalutato !

      Elimina
  8. Ma era Campanile che scrisse "Celestino e la famiglia Gentilissimi"? Lo devo avere da qualche parte, perché era della mia mamma che l'aveva ereditato dalla sua mamma... Risatona! Il mio babbo aveva una specie di amico che gli vendeva delle croste. Una volta gli vendette il ritratto di un vecchio col cappello. Questo qui aveva bisogno di soldi e il babbo glieli allungava. Faceva finta di credere che si trattava di opere di qualche valore, ma poi quel vecchio col cappello l'avrò visto almeno cento volte al mercato, sia a quello del sabato che ai mercatini al mare!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bella la storia del ritratto del vecchio col capello! Forse anche di questi ritratti, come dei mappamondi, c'era un giacimento!

      Elimina
  9. Molti, molti anni fa, mio papà comprò un libricino dal titolo enigmatico "Gli asparagi e l'immortalità dell'anima". Ricordo che feci una ronda sospettosa attorno al libro, appoggiato sul tavolo, prima di decidermi a prenderlo e sfogliarlo. Ero nella prima adolescenza e da allora sono convinta che Campanile non mi abbia mai abbandonato. E' uno degli occhi con i quali vedo il mondo. Ringrazio mio padre per miliardi di cose ma l'aver comprato quel libro è una ragione in più
    Oriana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Poter guardare il mondo attraverso l'ironia e l'intelligenza di Campanile è un bellissimo regalo. A giudicare da quello che scrivi in aznalubma mi sembra che quello sguardo non ti abbia abbandonato:-)

      Elimina
  10. Leggere di Campanile e del mappamondo mi ci voleva proprio. La "pennellatina" è ...ingegnosa e a tutto tondo, proprio come un mappamondo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La pennellatina di Campanile non guasta mai !

      Elimina
  11. Tutti aspetti, una volta di più, interessanti, ma in questa occasione vorrei sottolineare la prosa, sì arguta, ma soprattutto ricca di lessico, di Campanile.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La prosa di Campanile è sempre lieve e ironica: da lui, comunque, c'è da imparare!

      Elimina
  12. L'ironia di Achille campanile sarebbe utile anche oggi, in questa nostra tanto bistrattata Italietta!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'ironia, Costantino, è la qualità che ci rende più sopportabile il mondo!

      Elimina
  13. La boutade di Campanile mi ha ricordato di un anedotto che si racconta su mio nonno (altro personaggio davvero singolare, a voler prestare fede ai racconti di chi l'ha conosciuto bene). Aveva sposato mia nonna, una agiata nobildonna, la quale aveva portato in dote anche un castello. All'ennesima domanda dell'ennesimo curioso se il castello fosse "avito", mio nonno - con evidente riferimento al modo tramite il quale ne era entrato in possesso - rispose: "Avito?!? .... no, più che altro ... avuto!". Rimpiango di non aver conosciuto meglio mio nonno e Ti ringrazio per avermelo fatto ricordare.
    Fabrizio

    RispondiElimina
  14. Stupenda l'idea del castello "avuto" e magnifico personaggio tuo nonno! Chissà se ha mai scritto racconti: mi piacerebbe leggerli!

    RispondiElimina